a colazione

questa mattina seduto a colazione piango

come il pain croûte, saporitamente rinsecchito
mi tuffo nella tazza e sfaldo la durezza
il caffelatte delle mie emozioni sfatte
me lo bevo un po’ salato, un po’ Mar Morto
che ci galleggio bene supino appena sveglio
slittando di due ore la prova del mio giorno

sotto la doccia come Kevin Spacey
amo pensandola la mia Italian Beauty
che lei mi consolava: «non pensare a niente!»
e io che «è il niente che mi pensa a me!»

vestendomi dicevomi: «ti fa male restare qui da solo»