et perit, in nitido qui fuit ore, color!

Ci sarà un tempo che tu, che ora chiudi fuori gli innamorati, fredda vecchia giacerai nella notte solitaria, e la tua porta non sarà infranta dalla notturna rissa, e non troverai la mattina lo soglia cosparsa di rose.
Quanto presto, povero me, il corpo si rilascia con rughe e se ne va quel colore che fu nel volto lucente!

Tempus erit, quo tu, quae nunc excludis amantes,
frigida deserta nocte iacebis anus,
nec tua frangetur nocturna ianua rixa,
sparsa nec invenies limina mane rosa.
Quam cito, me miserum!, laxantur corpora rugis,
et perit, in nitido qui fuit ore, color!

Publio Ovidio Nasone, L’arte di amare (Ars amatoria), libro III