le unghie lunghe forti d’osso
con cui ti cavavo l’isteria di dosso
con due o tre zampate di maschio vecchio stampo
oggi mi si squagliano come pasta sfoglia
strato a strato me le mordo
e limo sino a farmi male ai polpastrelli
la tua scombinata prepotenza mi comanda
sbando
nella manicure sfaldata dell’amor

© Daniele Martino 2012 – proprietà letteraria riservata