le donne l’amavano
per un po’
dalle loro solitudini coniugali
in ferventi cerimonie anali
dalle loro singletudini
labirinto di intercapedini
poi fuggivano su copioni isterici
tornando al niente dove stavano

© Daniele Martino 2013 – proprietà letteraria riservata